Servizio Eccellente
4.5/5

Come vedere se una lampadina è fulminata, bruciata o funziona

In molte occasioni, quando vai a premere l’interruttore, capita che la lampadina non si accenda oppure che si spenga subito dopo aver emesso una luce intensa. Come vedere se una lampadina è fulminata, bruciata o funziona?

Beh, cominciamo subito a dire che nel caso delle vecchie lampadine ad incandescenza, è sufficiente metterla in trasparenza ed osservare il distacco del filamento in rapporto al contatto. Se il filamento interno è rotto, è fulminata.

Sempre nel caso delle lampadine di vecchia generazione, per verificare se sono bruciate, è opportuno ricorrere al tester analogico che ha il compito di controllare che vi sia continuità nella resistenza. Il motivo è che questo tipo di lampadine non presenta dei segni immediatamente visibili. Metti perciò il tester in modalità ohm con scala sui 100 ohm.

Posiziona il puntale rosso sul filamento interno della lampadina ed appoggia il puntale nero sul fondo della lampadina. Dopodiché non toccare i puntali del tester, in quanto rischieresti di vanificare l’esito della misurazione. Se il risultato che leggi sul tester è di 0 ohm, significa che la lampadina è bruciata. Il motivo? Non c’è continuità nel filamento interno. Ricordiamo che il suddetto metodo non è valevole per le lampadine a basso consumo energetico e per quelle al neon.

lampadina fulminata o bruciata

lampadina fulminata o bruciata

Nel caso tu non possegga il tester analogico, per effettuare la verifica, è opportuno montare la lampadina su un altro portalampada.  Togli la corrente e smonta la lampadina regolarmente in funzione e controlla il risultato. Se non si accende, significa che è opportuno sostituirla.  A volte, però, capita che la lampadina è inserita male nel portalampade. E se non si accende, non vuol dire che sia fulminata o bruciata. Se perciò non si accende, verifica che sia avvitata fino in fondo.

Diverso è il caso delle lampadine di nuova generazione e di quelle opaline, perché non si riesce a scrutare l’interno. Fra i possibili difetti, vi è quello che comporta l’interruzione di alcuni componenti interni che si sono bruciati, pur non lasciando tracce di bruciature di colore nero, primo segnale visibile. Altre lampadine invece presentano alla base del vetro degli anelli di colore nero. Se una lampadina è bruciata, in molti casi, si riscontra una colorazione giallastra, dove c’è la filettatura di connessione al porta lampada.

Nel caso delle lampadine a risparmio energetico, se c’è qualcosa che non va, noterai che non si accende o che lampeggia.